NihonStyle chiude per le vacanze, ci risentiamo a gennaio.
Tantissimi Auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo.
Statue JizoMolto tempo fa viveva in Giappone viveva una coppia di anziani molto poveri. Entrambi erano tristi perché era la notte dell’anno nuovo e non avevano niente da mangiare. Per questo l’anziana disse: “Oggi così per caso ho realizzato un ornamento per capelli, se riusciamo a venderlo possiamo comprarci la cena”. E l’anziano le rispose: “Dici sul serio? Grazie! Esco e provo a venderlo”. Quel giorno faceva molto freddo e nevicava fortissimo. Mentre l’anziano stava camminando per arrivare in città incontrò alcuni Jizo (dei del bene rappresentati da statue di pietra posti ai lati della strada). L’anziano si diresse alle statue di pietra e disse: “Avete freddo vero? E pulì i loro capi dalla neve che si era depositata. Una volta arrivato in città si fece in quattro ma non riuscì a vendere niente. Dopo molte ore un uomo si avvicinò e gli disse “Oggi non è una bella giornata non credete? Io non sono riuscito a vendere nessuno dei miei ombrelli, perché non facciamo uno scambio? Tu vendi i miei ombrelli ed io i tuoi ornamenti per capelli”. L’anziano accettò la proposta. Alla fine della giornata il vecchietto non era riuscito a vendere niente e decise così di tornare a casa. Sulla strada del ritorno trovò di nuovo le statue degli Jizo, si fermò e disse loro “Tenete questi ombrelli così vi riparate” ma si accorse che ne mancava uno per coprire la statua più piccola, così l’anziano si tolse l’asciugamano che teneva in testa per proteggersi dalla neve e la mise sulla statua più piccola. Arrivato a casa raccontò tutto alla moglie ed ella gli disse: “Hai fatto bene, sono molto contenta”. In quel momento udirono un rumore strano che veniva da fuori, si affacciarono e con enorme sorpresa trovarono cose da mangiare ed abiti ed in lontananza una fila di Jizo. Gli alimenti e gli abiti erano i loro regali per la gentilezza offerta dall’anziano.
Le tre scimmie - mizaru, kikazaru e iwazaruLe tre scimmie sagge , che si tappano con le mani rispettivamente gli occhi, le orecchie e la bocca, sono rappresentate in una cornice di legno nel santuario di Toshogu a Nikko. Le parole composte “mizaru”, “kikazaru” e “iwazaru” (i nomi delle tre scimmie) significano rispettivamente “non vedo”, “non sento” e “non parlo”. Le tre scimmie erano le tre guardiane simboliche del mausoleo dello Shogun Tokugawa Ieyasu a Nikko. Erano incaricate di evitare che il chiacchiericcio dei visitatori alla tomba interrompesse il sonno dello Shogun. Tokugawa era un uomo saggio che parlava solo di cose che conosceva oppure preferiva semplicemente guardare lo scorrere del fiume.

Le tre scimmie sagge

by on dicembre 21, 2006
Le tre scimmie sagge , che si tappano con le mani rispettivamente gli occhi, le orecchie e la bocca, sono rappresentate in una cornice di le...
Copertina de La seconda vita di NaokoVi consigliamo un ottimo libro scritto dal giapponese Keigo Higashino, si intitola "La seconda vita di Naoko" e narra di una tranquilla famiglia giapponesela cui vita viene sconvolta da un terribile incidente nel quale Naoko rimane uccisa e la figlia Monami resta gravemente ferita e va in coma. La vita di Heisuke (il marito di Naoko) sembra finita tanto è grande il dolore che prova fino a quando Monami non esce dal coma. La felicità di questo risveglio dura poco infatti Heisuke si accorge che nel corpo della piccola vive l'anima della madre morta... Bel libro con un finale che lascia a bocca aperta!
Ormai è ufficiale, dal 23 gennaio NANA la serie che sta superando ogni record in Giappone arriva anche in Italia, su MTV.
L'anime è tratto dall'omonimo Nana, il famosissimo manga di Ai Yazawa. Di seguito una breve trama.
Il fumetto, ambientato nel Giappone contemporaneo, presenta le vicende di due ragazze ventenni accomunate dallo stesso nome e dall'uguale decisione di trasferirsi a Tokyo: Nana "Hachi" Komatsu e Nana Osaki. Le due giovani prendono lo stesso treno diretto alla capitale giapponese, ed è lì che si conoscono. Separate alla stazione, si incontreranno successivamente per caso in un appartamento che entrambe hanno intenzione di affittare: decideranno di essere coinquiline e di dividere insieme la vita quotidiana.

E' in arrivo NANA su MTV

by on dicembre 20, 2006
Ormai è ufficiale, dal 23 gennaio NANA la serie che sta superando ogni record in Giappone arriva anche in Italia, su MTV. L'anime è t...
Keroro GunsoUltimamente in Italia sta avendo un enorme successo l'anime Keroro Gunso con protagonista una simpatica ranocchia arrivata dal pianeta Platoon per conquistare la terra. La mania per Keroro sta impazzando ovunque tanto che in rete si trovano molti siti che vendono gadget a riguardo. Eccone alcuni:
Noi ci siamo innamorati di Keroro Gunso Mascot Robot, un simpatico robottino e voi?

Gadget di Keroro Gunso

by on dicembre 20, 2006
Ultimamente in Italia sta avendo un enorme successo l'anime Keroro Gunso con protagonista una simpatica ranocchia arrivata dal pianeta ...
Hanami - 花見Hanami (花見, letteralmente "guardare i fiori") è la tradizione giapponese di osservare la bellezza dei fiori, ma in generale si associa questa parola al periodo della fioritura dei ciliegi, quando i giapponesi accorrono in massa nei parchi e nei giardini a contemplare i ciliegi in fiore. Dalla fine di marzo ad inizio aprile, i ciliegi fioriscono in tutto il Giappone, dal sud al nord a seconda delle differenti condizioni climatiche esistenti. I primi ciliegi a fiorire sono quelli nell’isola di Hokkaido (la regione più settentrionale). Ogni anno viene fatto un pronostico sulla fioritura degli alberi (桜前線, sakurazensen) e viene annunciato dall’ufficio di meteorologia. In questa celebrazione la gente organizza dei pic-nic nei parchi, anche gli impiegati di impresa. L’hanami continua anche di notte cambiando il suo nome in yozakura (夜桜, "ciliegi di notte").

Hanami

by on dicembre 19, 2006
Hanami (花見, letteralmente "guardare i fiori") è la tradizione giapponese di osservare la bellezza dei fiori, ma in generale si as...
E' riuscito il lancio dal Giappone del razzo H2-A che ha messo in orbita con successo il satellite sperimentale 'Kiku 8'. Il lancio, previsto per sabato scorso e rimandato a causa di condizioni atmosferiche non favorevoli, e' avvenuto alle ore 15:32 locali (le 7:32 in Italia) dal centro spaziale di Tanegashima. Il satellite 'Kiku 8', dal peso di 5,8 tonnellate, e' uno dei piu' grandi al mondo, servira' a sperimentare nuove tecnologie per migliorare le comunicazioni mobili.

(fonte ansa.it)
Idols giapponesiUn idol giapponese (アイドル, aidoru) è una celebrità che ha iniziato ad avere riconoscimenti e fama in Giappone in gran parte per l'aspetto fisico. Il termine di solito si riferisce a celebrità femminili che vanno dai 13 ai diciannove anni e che sono considerate kawaii (carine, adorabili) e hanno avuto una grande fama grazie alla pubblicità in televisione. Celebrità maschili come Masahiro Nakai (conosciuto come Nakai-kun) del gruppo musicale SMAP sono considerate anche loro Idols. Gli idols giapponesi sono per la maggior parte cantanti, attrici e modelle che hanno successo per un brevissimo tempo.

Idol

by on dicembre 18, 2006
Un idol giapponese (アイドル, aidoru) è una celebrità che ha iniziato ad avere riconoscimenti e fama in Giappone in gran parte per l'aspett...
Disegno kawaiiKawaii (kanji: 可愛い, hiragana: かわいい) è una parola giapponese che significa “bello”, “tenero”, “dolce”, “simpatico”. Una persona adulta non potrà mai essere descritta utilizzando questo aggettivo. Di solito i disegni kawaii contengono forme arrotondate e colori pastello. Hello Kitty, i Pokemon sono cose che incarnano perfettamente l’essere kawaii. Questa parola è di uso comune nella cultura otaku.

Kawaii

by on dicembre 17, 2006
Kawaii (kanji: 可愛い, hiragana: かわいい) è una parola giapponese che significa “bello”, “tenero”, “dolce”, “simpatico”. Una persona adulta non po...
Torta da 645 mila €Non c'è Natale in Giappone senza qualche stravaganza commerciale da prima pagina: sebbene quest'anno se ne fosse già registrata una degna di nota, la bambolina di 'Hello Kitty' tempestata di rubini e zaffiri da 120.000 euro, arriva la notizia che nella città di Osaka è in vendita una torta natalizia al 'gusto' di diamanti, dal valore complessivo di ben 100 milioni di yen (645.000 euro). Commercializzata in un solo esemplare da una catena di grandi magazzini di lusso, la creazione si presenta come un dolce al cioccolato dalle forme irregolari, con numerosi ornamenti (commestibili) tra cui spicca un goloso e suggestivo albero di natale stilizzato. Alla base del dolce le decorazioni da primato: 100 diamanti provenienti dal Sudafrica, per un totale di circa 50 carati. Alla stregua di un'opera d'arte, l'esclusiva torta rimarrà in vetrina per essere ammirata da tutti i comuni mortali fino al 25 dicembre, e solo dopo sarà consegnata all'eventuale acquirente.

(fonte repubblica.it)
Chazuke (茶漬け)Il Chazuke (茶漬け) anche chiamato ochazuke (お茶漬け) è un semplice piatto che consiste in una palla di riso con alcuni condimenti posti sopra tale palla poi ricoperta da alcune gocce di tè verde. I condimenti di solito sono composti dai seguenti ingredienti: tsukemono (sottaceti), umeboshi (tipico frutto giapponese, simile all’albicocca), alga nori tritata, furikake, semi di sesamo, salmone salato e wasabi. Il piatto è di facile realizzazione ed è conosciuto anche come cha-cha gohan. Il Chazuke è divenuto popolare nel periodo Heian, però solo all’inizio del periodo Edo si è iniziato ad aggiungere il tè verde. A Kyoto l’ochazuke è conosciuto come bubuzuke. Quando un abitante di Kyoto chiede al proprio ospite se desidera mangiare del bubukuze in realtà intende fargli capire che si trova li già da molto tempo e desidera che se ne vada.

Ochazuke

by on dicembre 14, 2006
Il Chazuke (茶漬け) anche chiamato ochazuke (お茶漬け) è un semplice piatto che consiste in una palla di riso con alcuni condimenti posti sopra t...
Ragazza seduta in modo SEIZAI giapponesi si sedevano tradizionalmente sopra il tatami nelle proprie case. Oggi molte case sono arredate completamente in stile occidentale e non hanno stanze ricoperte da tatami. Per questo la maggior parte dei giovani non sa sedersi correttamente alla maniera giapponese. La maniera appropriata (chiamata SEIZA) è quella di piegare le ginocchia di 180 gradi in modo da appoggiare la gamba sul pavimento e sedersi sopra i propri talloni. Questa può essere una postura difficile da mantenere se non sei abituato e richiede molta pratica. E’ considerato molto cortese sedersi alla maniera seiza durante le occasioni formali. Un modo più rilassato di sedersi è tenendo le gambe incrociate (AGURA), questa postura è utilizzata generalmente dagli uomini. Le donne invece per assumere una posizione meno formale metteranno i piedi spostati di fianco (YOKOZUWARI).

Sedersi alla giapponese

by on dicembre 13, 2006
I giapponesi si sedevano tradizionalmente sopra il tatami nelle proprie case. Oggi molte case sono arredate completamente in stile occidenta...
Kanji INOCHIE' stato eletto il kanji che rappresenta l'attualità sociale giapponese, quest'anno purtroppo ci sono stati molti suicidi, soprattutto tra gli studenti che hanno subito dei maltrattamenti a scuola (bullismo), molti incidenti stradali ed eventi atmosferici devastanti, ma c'è stata anche una buona notizia, la nascita del nuovo principe nella Famiglia Imperiale Giapponese, tutto si lega alla "vita" per questo è stato eletto il kanji INOCHI 命 (いのち) che significa VITA.
A Natale di quest'anno nella terra del sol levante tutti i bambini stanno chiedendo in regalo il nuovo cucciolo della Sega, Yume Neko (il gatto dei sogni), noi lo troviamo meraviglioso e voi? Di seguito un video per vedere l'adorabile gattino in azione.

Stampante poliglotta della King JIML'azienda giapponese King JIM ha lanciato sul mercato una stampante poliglotta in grado di stampare etichette in inglese, giapponese, cinese e coreano. La stampante ha al suo interno circa 800 frasi già pronte preparate dalla Municipalità di Tokyo per i turisti stranieri. Il prodotto si chiama TEPRA PRO SR6700D, costa circa 40.000 yen e nel 2005 ha vinto il "Good Design Award".

Stampante poliglotta

by on dicembre 11, 2006
L'azienda giapponese King JIM ha lanciato sul mercato una stampante poliglotta in grado di stampare etichette in inglese, giapponese, c...
A Roma presso la Mondo Bizzarro Gallery torna ad esporre il grande artista giapponese Takato Yamamoto con una mostra personale in gran parte dedicata all'erotismo. La mostra si chiama "TAKATO PROIBITO" ed è possibile vederla dal 2 dicembre 2006 al 1° febbraio 2007 nei seguenti orari: dal martedì al sabato 11.30 - 19.30. Ingresso libero. Se volete vedere alcuni dei suoi più bei quadri potete andare su questo sito.
Per maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito della Mondo Bizzarro Gallery.

Mostra di Takato Yamamoto

by on dicembre 11, 2006
A Roma presso la Mondo Bizzarro Gallery torna ad esporre il grande artista giapponese Takato Yamamoto con una mostra personale in gran par...
BanzaiBanzai significa letteralmente "diecimila anni (di vita)". Si scrive con la combinazione dei kanji per "diecimila" ed "età". Banzai è un'esclamazione giapponese che può essere tradotta con "Lunga vita" oppure "Hurrà! Viva!", si ripete generalmente tre volte per esprimere entusiasmo, celebrare una vittoria o per festeggiare un'occasione felice. Noi stranieri abbiamo sempre confuso "banzai" come un grido di guerra. Questo è dovuto probabilmente a quei soldati giapponesi che gridavano Tennouheika Banzai quando morivano durante la seconda querra mondiale. In quel contesto quello che dicevano era "Lunga vita all'imperatore".

Banzai

by on dicembre 09, 2006
Banzai significa letteralmente "diecimila anni (di vita)". Si scrive con la combinazione dei kanji per "diecimila" ed &...
Osechi-ryōriGli Osechi-ryōri (御節料理 o お節料理) sono regali fondamentali contenenti alimenti tradizionali giapponesi che si fanno durante le celebrazioni per l'anno nuovo. La tradizione comincia nell'era Heian (794-1185). Gli Osechi sono facilmente riconoscibili attraverso i loro involucri denominati jūbako, i quali assomigliano molto alle scatole obento.

Osechi-ryōri

by on dicembre 09, 2006
Gli Osechi-ryōri (御節料理 o お節料理) sono regali fondamentali contenenti alimenti tradizionali giapponesi che si fanno durante le celebrazioni p...
TastieraUna squadra di specialisti giapponesi ha inventato la prima tastiera per ciechi non basata sui tasti con iscrizioni in Braille. Il dispositivo, che è stato presentato oggi Tokyo, permette di scrivere mediante un sistema chiamato "sintesi vocale" e può essere utilizzato su qualsiasi tipo di computer. Il suo metodo di registrazione si basa su una combinazione di soli sei tasti. L'apparato richiede che prima venga selezionato il tipo di scrittura (alfabetico, numerico o sillabico giapponese) e dopo si combinano in tasti in modo diverso, secondo il fonema che si desidera scrivere. Alla fine la macchina conferma vocalmente i caratteri premuti. La tastiera pesa 500 grammi e misura 20 centimentri per 10 centimetri, è senza filo e funziona a batteria. Per volontà dei creatori la tastiera verrà messa in commercio nel primo semestre del 2008 e costerà 185.000 Yen (circa 1200 €).
Omamori
Omamori deriva dal verbo "mamoru" che significa "proteggere, difendere". Quindi questo è il nome che viene dato ad una specie di sacchetto fatto di tela che si vende, soprattutto, nei templi giapponesi e che secondo la credenza evita gli incidenti, migliora la salute, aiuta con l'amore ed aiuta a superare gli esami. I giapponesi tengono gli omamori in molti posti, dentro il portafogli, nella borsa, nella macchina o insieme al telefono cellulare. L'omamori di solito è di colori vivi ed ha inscritto il nome del tempio dove è stato acquistato. All'interno, nascosto alla vista, si trova un piccolo foglio di carta con il nome del dio protettore ed una preghiera scritta da un monaco che ci mette in connessione con dio al quale chiederemo protezione. Se l'omamori viene aperto e tutti possono vederne il contenuto la protezione si perde, in teoria un omamori dura tutta la vita.

Omamori

by on dicembre 06, 2006
Omamori deriva dal verbo "mamoru" che significa "proteggere, difendere". Quindi questo è il nome che viene dato ad una...
HinomaruUn comune giapponese ha varato una norma che impone l'esposizione della bandiera nazionale nella sala della propria assemblea municipale. E' la prima volta che accade dal dopoguerra. L'iniziativa e' del comune di Kawachinagano, un Comune della provincia sudorientale di Osaka. Dopo la catastrofica conclusione del secondo conflitto mondiale, in Giappone si era sempre cercato di evitare di ridare alla 'Hinomaru' (cerchio del sole) anche parte della sacralita' attribuitale dal regime militarista.

(fonte ansa.it)
Torre del Sole La Torre del Sole è alta 70 metri ed è stata disegnata da Okamoto Taro. E' l'unica struttura creata per l'Expò del 1970 di Osaka ad essere ancora in piedi. La torre del sole è realmente impressionante, sembra un oggetto alieno in mezzo ad un grande parco. E' raccomandabile, se fate un tour alternativo del Giappone, andare a vedere questa torre che si trova nei pressi di Osaka.

Torre del Sole

by on dicembre 06, 2006
La Torre del Sole è alta 70 metri ed è stata disegnata da Okamoto Taro. E' l'unica struttura creata per l'Expò del 1970 di Osak...
Rodeo-boy Come già sappiamo in Giappone ogni giorno inventano qualcosa di nuovo. L'ultima invenzione è Rodeo-boy, un simpatico strumento per pulire la casa stando comodamente seduti. E' una specie di cavallo meccanico, se ci sali in sella cominci a pulire (lucidare) tutta la casa. Ne esistono diversi modelli ed i prezzi possono variare dai 22.800 Yen (circa 150€) ai 138.000 Yen (900€).

Rodeo-boy

by on dicembre 05, 2006
Come già sappiamo in Giappone ogni giorno inventano qualcosa di nuovo. L'ultima invenzione è Rodeo-boy, un simpatico strumento per puli...
Amigurumi Amigurumi è il nome di una tecnica giapponese basata sulla lavorazione dei tessuti. Consiste nel disegnare e confezionare bambole o giocattoli imbottiti costruiti lavorando a maglia. Nel Giappone attuale questa tecnica è talmente famosa che esistono molteplici associazioni di appassionati che si ritrovano per creare Amigurumi . I materiali sono di facile reperimento, si necessita solo di filo di lana ed i ferri per lavorare a maglia.

Amigurumi

by on dicembre 05, 2006
Amigurumi è il nome di una tecnica giapponese basata sulla lavorazione dei tessuti. Consiste nel disegnare e confezionare bambole o giocatt...
ONIGli Yōkai ( 妖怪) ("apparizioni", "spiriti" "o demoni") sono una classe di creature della cultura giapponese che vanno dal malvagio ONI alla donna pallida YUKI-ONNA. Alcuni possiedono sia una parte animale che una parte umana. Gli Yōkai sono generalmente molto più forti e poderosi degli essere umani e per questo tendono ad essere arroganti ed a prevalere sugli umani.
Gli Yōkai hanno valori diversi dagli essere umani e quando questi entrano in conflitto possono renderli nemici. Loro sono generalmente invulnerabili all'attacco umano però possono essere sconfitti dagli esperti sterminatori di Yōkai (退治屋, taijiya) e dai monaci buddisti con la benedizione del Budda. Alcuni Yōkai vivono semplicemente evitando il contatto con gli esseri umani, altri invece decidono di vivedere le loro vite a stretto contatto con gli uomini. Queste creature sono state simbolicamente rappresentate in dipinti, in rappresentazioni teatrali, nei manga (Lamù discende da una famiglia di ONI), anime e videogiochi.

Yōkai

by on dicembre 03, 2006
Gli Yōkai ( 妖怪) ("apparizioni", "spiriti" "o demoni") sono una classe di creature della cultura giapponese ch...
kanji matsuriBonen-kai (festa di fine anno): durante tutto il mese. Si tratta di una delle feste più sentite dalla maggior parte dei giapponesi. Tutte le famiglie condividono gli stessi alimenti, gli impiegati si divertono con i loro colleghi di lavoro. Gli amici si riuniscono per organizzare insieme delle belle feste e poi c'è il concerto della Nona Sinfonia di Beethoven, "L'ode e l'allegria" il quarto movimento della sinfonia. Il concerto viene eseguito per tutto il mese di dicembre in molte città del Giappone.
Eiga no Hi (giorno del cinema): il primo giorno di dicembre.
Hari kuyo (8 di dicembre): si infilano gli aghi vecchi o rotti nel tofu e nelle pastelle di riso e si portano al tempio o al monastero. Questi aghi, rovinati dall'uso sono offerti in un rituale religioso con la speranza di poter incrementare l'abilità in cucina.
Susu-harai (pulizia generale): dal 13 dicembre fino alla fine del mese in molti luoghi si effettua la pulizia generale. Secondo un'antica tradizione si puliscono gli accumuli di polvere e la sporcizia di tutto l'anno nei posti di difficile accesso. Con questo si tiene pulito i locale per le festività dell'anno nuovo e si caccia via la mala sorte.
Toji (solstizio di inverno): approssimativamente il 21 di dicembre, secondo la tradizione è il giorno più corto dell'anno e la notte più lunga e va celebrato facendosi un bagno caldissimo nello yuzu (una specie di limone) e mangiando limone spremuto.
Tenno tanjoubi (Compleanno dell'imperatore): il 23 dicembre, festa nazionale.
Vigilia di Natale (24 dicembre): in Giappone è tempo di romanticismo, giorno nel quale le coppie giovani si esprimono il loro amore. E' anche il momento per fare i regali ai bambini. In Giappone il Natale non ha significato religioro. Dall'inzio del mese le strade sono decorate con lugi e grandi alberi di Natle.
Natale: il 25 dicembre;
O-misoka (ultimo dell'anno): 31 di dicembre. L'ultimo dell'anno è chiamato o-misoka o joya. I templi di tutto il Paese fanno suonare le campane 108 volte a mezzanotte. Questa abitudine si chiama joya no kane. Perchè 108 rintocchi? Per eliminare dal cuore di coloro che ascoltano i 108 difetti umani, tra i quali troviamo la possessione, l'ira e l'invidia. Prima di mezzanotte, come vuole la tradizione, le famiglie si riuniscono per mangiare il toshi-koshi soba che rappresentano il desiderio di una vita longeva.
Yamata no OrochiI dragoni giapponesi (日本の竜 nihon-no-ryū o 竜 ryū "dragoni") sono creature mitologiche e leggendarie con attributi fisici simili a quelli dei dragoni cinesi e coreani. Ci sono poche differenze tra i dragoni del sol levante e quelli che si credeva vivessero in altre parti del mondo, quella più importante è che i dragoni giapponesi possiedono tre unghie lunghe ed affilate invece di quattro. Si dice che quelli giapponesi volano molto meno dei draghi occidentali, ma a differenza di questi i draghi giapponesi sono, salvo pochissime ecceczioni, abbastanza buoni e a volte si dice che possano realizzare i nostri desideri. I dragoni nipponici non sempre sono provvisti di ali come invece accade per quelli cinesi e coreani.
Uno dei dragoni più famosi è Yamata no Orochi (ヤマタノオロチ, 八岐大蛇), un terribile mostro dalle otto teste e otto code che fu assassinato da Susanoo (須佐之男) (il dio del mare) il quale gli tagliò con la sacra spada Kusanagi la quarta coda. Altro importante dragone è il dio imperatore del mare Ryūjin.

Dragoni giapponesi

by on dicembre 01, 2006
I dragoni giapponesi (日本の竜 nihon-no-ryū o 竜 ryū "dragoni") sono creature mitologiche e leggendarie con attributi fisici simili ...