Celebrazioni giapponesi del mese di febbraio

SetsubunSetsubun (rituale tradizionale di persecuzione del demonio): il 3 di febbraio, il giorno prima del passaggio dall’inverno alla primavera, si celebra il rituale Setsubon nel quale si perseguitano le influenze maligne e si attira la buona sorte e felicità. La tradizione è di spargere la casa con i fagioli tostati mentre si grida: “Oni wa soto, fuku wa uchi” (Fuori i demoni che entri la buona sorte). Questa tradizione è denominata mame-maki. In alcuni dei monasteri più importanti si invitano personaggi famosi e atleti per fare il mame-maki.

Risshun (inizio della primavera), il 4 di febbraio.

Sapporo Yuki Matsuri (festival della neve di Sapporo): Sapporo, la maggiore città di Hokkaido, celebra l’inverno e la neve nella prima quindicina di febbraio di ogni anno. Nel parco Odori si possono contemplare più di 150 sculture fatte di neve e ghiaccio che rappresenti i personaggi famosi della TV e opere architettoniche di tutto il mondo.

Kenkoku Kinen no Hi (Anniversario della fondazione della Nazione): divenuta festa nazionale nel 1966. Secondo un antico mito il primo Imperatore del Giappone, Jimmu Tenno salì al trono in questa data.

Giorno di San Valentino: secondo la leggenda, il vescovo cristiano, San Valentino, fu martorizzato a Roma un 14 febbraio, più o meno attorno al terzo secolo. Questa data divenne il giorno degli innamorati nell’Europa medioevale. In Giappone dopo gli anni settanta divenne abbastanza comune tra le ragazze che in questo giorno regalano cioccolatini ai loro ragazzi preferiti.

Festival Kamakura a Yokote nella Prefettura di Akita (15 e 16 febbraio). Il kamakura si realizza accatastando neve facendo un buco al suo interno creando uno spazio comodo. Sedersi all’interno di un kamakura è uno dei piaceri dei bambini durante l’inverno passando il tempo con dolci di riso tostato, mochi e ama-zake (bevanda dolce fatta con riso fermentato).

Kabuki no Hi (giorno del Kabuki) il 20 di febbraio.

Kitano Baika-sai (festival della fioritura del susino di Kitano), nel Monastero Kitano Tenman-gu, Kioto, il 25 de febbraio.

In Giappone l’anno scolastico comincia ad Aprile e gli esami di ingresso nei centri scolai e universitari hanno luogo principalmente in febbraio. A mano a mano che aumenta la tensione per gli esami gli studenti usano andare al Monastero Tenman-gu per chiedere ispirazione al santo patrono dell’insegnamento, Sugawara no Michizane (845-903). Scrivono i loro desideri su tavolette di legno decorate, chiamate ama, e dopo le appendono nel Monastero. Fino a quando non escono i risultati degli esami i genitori visitano spesso i monasteri con i loro rispettivi desideri di successo scolastico per i figli.

1 commento:

Anonimo ha detto...

ciao vedo che sei fans di bones..ti segnalo 1 altro sito italiano che parla della serie www.bonesitalia.com